Ciclismo

Una Granfondo vissuta tweet dopo tweet

Clac,        Clac, Clac

Clac,  Clac,

Non c’era angolo, semaforo, strada o marciapiede dove non si potesse scorgere un ciclista pronto a partire. Piede a terra e poi via verso le Terme di Caracalla, ritrovo della prima edizione della Granfondo di Roma.

Noi (il Blog/social team di Garmin) eravamo lì a vivere a far vivere quelle emozioni che contraddistinguono questo sport attraverso i social network.
Più di 5.000 partecipanti provenienti da ogni parte d’Italia schierati e pronti ad affrontare un percorso impegnativo e reso impervio dall’abbondante pioggia del giorno precedente.

Erano talmente tante le cosa avremmo voluto raccontarvi in quei momenti concitati che avremmo dovuto spammare su twitter oltre i limiti della netiquette. Eravamo tra di loro, nel vivo della competizione. Eravamo lì a testimoniare ciò che accade prima dopo e durante una gara. Ci siamo letteralmente tuffati tra la folla per ascoltare, osservare e respirare quell’animo sportivo che ci guida e ci motiva ogni giorno, perché alla fin fine, #ogniKmconta.

Aspettatemi!
Un altro istante e la vettura del Direttore di Gara partiva senza di me.
La Tweet diretta deve  continuare.


Più di 100 tweet, centinaia di foto e numerosi post sulla pagina di Facebook, hanno accompagnato questa incredibile giornata culminata con la premiazione di un grandissimo campione. La consegna di un Edge 500 personalizzato appositamente per Alex Zanardi: un premio alla carriera per il campione bolognese voluto dalla sede italiana di Garmin.

Grazie a tutti per l’entusiasmo, la partecipazione e l’affetto che ci avete dimostrato tramite tweet e messaggi sulla nostra fanpage.

Grazie di cuore a tutti!

 

Precedente

La Granfondo di Roma live sui social network

Successivo

Danilo Callegari, conquista la vetta dell’Elbrus

1 Commento

  1. […] delle nuove specializzazioni di settore. Qualche giorno fa ho avuto il piacere di trasformarmi in Social Media Reporter per Garmin assieme a Futura Pagano durante la Granfondo di Roma. Un’operazione complessa sotto molti […]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *