Triathlon

Un esordio nel mondo del triathlon a dir poco mozzafiato

La mia prima gara di triathlon non è stata esattamente come me l’aspettavo. Non ci sono scusanti o attenuanti, ho sbagliato tutto fin dai primi metri, pagando un po’ di pivellaggine.
Volevo godermela, portare a termine la competizione nella splendida cornice di Sirmione senza strafare. L’avevo già fatto diverse volte in allenamento, si trattava solo di replicarlo, apportando qualche variabile e qualche incognita che alla fine si sono rivelate determinanti per l’esito finale.

Entrato nel lago, sono bastati pochi istanti e stavo già bevendo, prendendo schiaffoni da ogni parte, calci e arpionate alle caviglie.

da quel momento il buio…

Il mio cervello aveva smesso di funzionare, non riuscivo più a gestire la situazione con lucidità quindi il respiro piano piano è diventato sempre più affannoso, le pulsazioni crescevano a dismisura e la sensazione che prevaleva era quella di panico.  Mi stavano passando tutti, qualcuno anche sopra.
Non riuscivo a riprendere a nuotare, in più la muta sembrava si stesse stringendo al punto che me la sarei strappata via.

Ci sono voluti più di 10 minuti prima di fare pace con la mia testa e placare tutte le pippe mentali, 10 minuti di stili misti compreso il famosissimo cagnolino. Ritrovata la concentrazione sono sopraggiunti perentori i crampi  che mi hanno costretto a nuotare di sole braccia per quasi metà della distanza.

Luca Conti - Triathlon

Non c’era più nessun fattore tempo, non c’era più strategia, nessun pensiero se non chiudere la gara. L’obiettivo era arrivare.
I crampi non mi davano tregua, il dolore era lancinante e le contrazioni spesso mi impedivano di mantenere una posizione corretta in bici.
Avanti, #sempreatutta o quasi tutta, mancano solo 10 km di corsa.
Tutto sommato sono contento di aver fatto un altro passo verso il mio traguardo, un passo importante che mi ha fornito insegnamenti fondamentali per la condotta di gara e per la “condotta mentale”, soprattutto sono contento di non aver mollato e aver tagliato quel traguardo.

Oggi, si nuota (con la muta ovviamente).

Precedente

Maratona della Franciacorta - Terza Tappa

Successivo

Un week end di emozioni vissute #sempreatutta!

7 Commenti

  1. 1 luglio 2013 su 10:03 — Rispondi

    anche noi siamo contenti che tu non abbia mollato! bravo Luca!

  2. 2 luglio 2013 su 21:03 — Rispondi

    Nella feroce stretta delle circostanze
    Non mi sono tirato indietro né ho gridato.
    Sotto i colpi d’ascia della sorte
    Il mio capo è sanguinante, ma indomito.

  3. Bracco BraeMary
    2 luglio 2013 su 22:31 — Rispondi

    Questa volta non hai vinto, ma di sicuro non hai perso… Si perde solo quando ti viene a mancare il coraggio di lottare fino in fondo. Non vincere fa parte del processo di apprendimento che porta al successo. All the Best Luca GOGOGO !!! 🙂

  4. 5 luglio 2013 su 21:54 — Rispondi

    Nella tua descrizione mi sembra di rivivere la mia prima gara in assoluto che ho fatto quest'anno a Caldaro… Esperienza che mi ha fatto capire l'importanza di partire il più defilato possibile (più a sx rispetto al gruppo) fino alla prima boa. Si faranno 100m in più ma almeno non si prendono manate e si riesce a mantenere un proprio ritmo. In bocca al lupo per le prossime gare e MAI MOLAR!!!

    • COBRA
      8 maggio 2016 su 5:05 — Rispondi

      MAI MOLLARE……E MAI TAPPARE

  5. 9 luglio 2013 su 6:50 — Rispondi

    Questa gara resterá nella storia, la tua personale e quella dello sport … Never GIVE up

  6. micol
    9 luglio 2013 su 7:09 — Rispondi

    Niente di meglio di una gara di triathlon per essere sinonimo della vita e capire che abbiamo in noi tutte le risorse sufficienti per superare qualsiasi difficoltà…è come nella vita, basta credere in se stessi e concentrarsi sulla regolarità del proprio respiro. Se impari a farlo, tutt’attorno sparisce ogni cosa e l’affanno se va. Possono passarti sopra, tirarti schiaffoni, attaccarsi alle tue caviglie, ma tu arriverai comunque a tagliare il tuo traguardo, nel pieno controllo di te stesso e in armonia. Bravo Luca! #sempreatutta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *