Triathlon

Un, due, tre: il conteggio della #Oetzi

A pochi giorni dal triathlon invernale più duro delle alpi, un nostro inviato condivide alcune riflessioni numeriche. Perché lo sport è fatto anche di cifre, scritte tra un battito e l’altro.

di Carlo Brena

Da qualche giorno, quando spengo la luce e appoggio la testa sul cuscino, iniziano pensieri numerici. Anche stasera le cifre rimbalzano sulle pareti della mente, ripassandoli uno a uno, di tutto quanto succederà sabato prossimo. In cima al ghiacciaio della Val Senales una ventina di anni fa trovarono l’uomo di Similaun, e così a qualcuno è venuta l’idea di costruirci una gara. E che gara. È la Oetzi Alpin Marathon, … che solo a pronunciarla mi vengono i brividi. Se poi penso ai numeri, mi vien voglia di girarmi dall’altra parte del letto. Con la mountain bike saranno 24,2 chilometri, dal centro di Naturno fino a metà valle, per la gran parte in salita, con un totale di  1.538 metri di dislivello (…positivo!) da superare e tratti al 15% sui quali arrampicarsi. Penso ai numeri, e ai chilometri fatti nell’ultimo mese: 200 (duecento, si proprio così, scritto come sugli assegni). Troppo pochi, ma tant’è. Il cancello alla prima zona cambio è dopo 2 ore e mezza. Forse ce la faccio. Parcheggerò la Scott, dopo averla ringraziata per avermi condotto a quota 1.508 di Madonna (mamma mia, ma un altro nome, no??), e lì mi infilerò le Feline: gli artigli da gatto della Dynafit avranno presa sugli 11,8 chilometri del trail che mi porterà a Maso Corto, dopo aver scalato solo 503 metri di dislivello. Sarà una passeggiata, più per lo spirito che per il corpo: il bosco di metà valle è intrigante, dicono sia popolato da trolls e folletti che scendono dalle foreste  scandinave per far compagnia ai fondisti norvegesi e svedesi che sul ghiacciaio poco più sopra, si allenano durante l’estate. Nessuno li ha mai visti, e spero di non essere il primo.

Quando uscirò dal bosco incantato, avrò davanti a me la neve, l’amica neve. Ripasso mentalmente la procedura: tolgo le scarpe, mi infilo gli scarponi, prendo gli sci con le pelli, e poi guanti e bastoni e via, su per soli 6 chilometri e duecento metri (…ancora 200!) ma con 1.201 metri di dislivello da superare, da conquistare, da mangiare, da bere, da pennellare, metteteli come volete, ma saranno da fare. Lo scorso anno fui parte del Dynafit Press Team, e a me toccò l’ultima frazione, proprio quella di skialp, ma oggi, proprio per non farmi mancare nulla, mi voglio sentire vivo sull’intero tracciato della Oetzi.  Il traguardo (che bel termine, tra-guar-do) è piazzato a 3.212 metri di quota, dove l’ossigeno ha la stessa percentuale di calciatori italiani ai tempi dell’Inter di Mourinho (per chi, come me, non segue gli sport minori, si tratta di una squadra di calcio con sede a Milano). Dovremo arrivarci entro 6 ore. Avremo scalato un totale di 3.342 metri. Saremo sul finale di 42 chilometri e spiccioli. Sì, uso il plurale perché in questa avventura saremo in molti, chi nella prova singola (254) e chi in staffette da tre atleti (85), uno per frazione. Al mio fianco, anche lui impegnato nella prova singola, avrò Riccardo, giornalista de Il Sole 24 Ore che, con la Oetzi Alpin Marathon, partirà con il progetto “Tutte le salite del Mondo”, una agenda di appuntamenti con la fatica e con l’introspezione di chi vive in perenne connessione digitale, e che nel weekend torna a ragionare in analogico, o semplicemente in modo logico. E siccome tutti ‘sti numeri sarà difficile tenerli a mente, ho scaricato il tracciato sul mio Forerunner 910XT: lui mi guiderà, io gli parlerò, lui mi risponderà, io lo ascolterò, lui registrerà e io, forse, impazzirò. Di gioia.

Precedente

Un ultimo sguardo e sono pronto a uscire.

Successivo

Ultimo Allenamento Pre-Maratona di Padova

2 Commenti

  1. 17 aprile 2013 su 13:14 — Rispondi

    @carlobrena racconta la gara di #triathlon invernale che affronterà tra una settimana. #Oetzi Alpin Marathon http://t.co/qczrtNBm9X

  2. 17 aprile 2013 su 14:18 — Rispondi

    Un, due, tre: il conteggio della #Oetzi http://t.co/Xms7Qc2mh4

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *