Outdoor

Tamara Lunger ai campionati italiani di sci alpinismo di Rio Bianco

Ieri finalmente si sono svolti i Campionati Italiani di sci alpinismo a Rio Bianco, in Val Pusteria.

Ho scelto questa gara è perché mi piace il percorso, volevo rivedere tutti i miei ex colleghi di corsa, perché erano i Campionati Italiani e perché volevo mettermi alla prova.

Ero agitata perché è una gara davvero veloce!

Son partita bene, benissimo, anzi fin troppo bene;  ho risentito dell’eccessivo slancio pagandone lo scotto nella parte successiva in cui ho perso ritmo e concentrazione. Nonostante ciò mi son trovata lottare con Federica Osler. Ero in lieve vantaggio al terzo cambio, durante il percorso ho perso e riguadagnato terreno mantenendo il vantaggio fino al quarto cambio dove però ho perso troppo tempo e Federica  mi ha superato. Per tutto il tempo ho pensato a come migliorare il cambio successivo per riguadagnare la posizione persa, ma nonostante i miglioramento Federica era ancora davanti.

E così ho spinto. Ho spinto forte. Ho spinto fortissimo e alla fine sono riuscita superarla.

Posso essere molto testarda. Se mi metto in testa qualcosa, non esiste un´altra possibilità 🙂

6° posto assoluto. 2° alto atesina.

Sono molto soddisfatta: in fondo non correvo per vincere (sapevo fin dall’inizio che non ci sarei riuscita), ma per effettuare un allenamento duro  e misurarmi con altre atlete.

Oggi ho rimesso gli sci. Ero sola e son salita fuori pista verso Kölner Hütte e poi al Tschager Joch. Giornata meravigliosa: musica di pianoforte nelle orecchie e intorno a me le montagne, gli uccelli, la neve, il sole e il cielo blu.

Ero esattamente in un posto che mi rende felice e mi fa stare bene. Una possibilità, un regalo che non hanno tutti.

Il 6° posto dei Campionati Italiani ha contribuito a questa magnifica sensazione. Non importa se non posso più ottenere i successi del passato. Partire tranquilla, senza tensione, senza che nessuno si aspetti piazzamenti… a volte vale oro.

Buona settimana.

Precedente

Per Moro e Goettler acclimatamento a 5000 metri

Successivo

Garmin Italia al fianco di Sergiy Polikarpenko

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *