Marine

È pronto a salpare il Sogno Atlantico di Matteo Perucchini

L’attraversata in solitaria dell’Oceano Atlantico in barca a remi: è questo Sogno Atlantico, l’impresa che Matteo Perucchini affronterà insieme agli altri concorrenti della TALISKER Whisky Atlantic Challenge. Gli equipaggi vogheranno per oltre 3.000 miglia, in direzione ovest partendo da La Gomera fino ad Antigua. Nella completa autosufficienza e a bordo di una imbarcazione alimentata esclusivamente dal desiderio di raggiungere l’obiettivo Matteo combatterà le onde dell’Oceano Atlantico non solo per la sfida sportiva ma anche per raccogliere fondi destinati a Cardiac Risk in the Young (CRY) e alla Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma.

Considerando le 14-16 ore giornaliere ai remi previste per la durata dell’intera traversata, che potrebbe impegnare gli atleti per un periodo di ben 90 giorni, è facile prevedere quanto la sfida fisica e mentale che attende Matteo sia particolarmente estrema. Occorre una grande determinazione  ed una personalità fuori dal comune per proseguire la gara quando si è afflitti da vesciche, dermatiti, mal di mare, pescecani, onde di 15 metri, privazione del sonno estrema, ed isolamento assoluto.

Sogno Atlantico

Basti pensare al senso di solitudine nelle ore notturne, all’oscurità più completa, alla necessità di confrontarsi con venti di tempesta nel bel mezzo del nulla, ad oltre 1000 miglia di distanza dalla terraferma più vicina. L’Atlantic Challenge è indubbiamente la N°1 tra le gare di resistenza nell’Oceano, e da molti viene considerata una delle gare di resistenza più dure dell’intero pianeta. In effetti, non c’è da sorprendersi nel constatare che un maggior numero di persone abbiano affrontato lo spazio, e ogni anno la scalata dell’Everest di quante si siano avventurate con successo nella traversata di un oceano in solitaria a remi.

La barca (Atlantic Inspiration) rappresenterà la casa di Matteo per l’intero tragitto di 3.000 miglia attraverso l’Atlantico. Grazie ad essa, Matteo avrà un riparo quando le condizioni meteo saranno troppo burrascose per remare e avrà a disposizione lo spazio necessario per portare con sé il dissalatore e le razioni di cibo. L’imbarcazione è stata costruita utilizzando carbonio e resina epossidica e le sue misure sono 7,2 m di lunghezza e 2,0 m di larghezza.

 

Precedente

Alberto Casadei a podio nel Challenge di Laguna Phuket

Successivo

D2 Bravo: il dispositivo GPS da polso per la navigazione aeronautica

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *