Running

#RoadToVenice: il diario del Garmin Coach

Ci siamo lasciati alle spalle Marzo, il mese che ha visto nascere il progetto #RoadToVenice e nel quale i ragazzi hanno preso le misure con allenamenti e ritmi non proprio agevoli. Ci assicurano che quando si parla di running il detto “ti infili un paio di scarpe buone e vai” non è poi così veritiero, specialmente se si punta subito ad un bersaglio grosso come la maratona. Occorre avere la giusta confidenza con la corsa e con gli allenamenti per evitare di fermarsi prima del tempo e a quanto pare sia Riccardo che Elisabetta l’hanno capito fin da subito. Lui ha fatto la sua prima mezza maratona dell’anno abbassando il suo personale di 6′, lei morde il freno perché vorrebbe andare più veloce. La maratona però, si sa, è una gara dove non conta solo la resistenza, ma entrano in gioco tantissime componenti, prime fra tutte testa, cuore e gambe e i ragazzi ne hanno da vendere!

L’obiettivo di aprile è lavorare sulla base di velocità per diminuire il tempo di contatto del piede con il suolo e, di conseguenza, diminuire gli infortuni da sovraccarico. Per questo utilizzeremo il Garmin Forerunner 220, che ci darà importanti informazioni come l’oscillazione del busto e la cadenza del passo.

Forza ragazzi, #RoadToVenice è ancora lunga!

Precedente

Grandi Salite Garmin 2015

Successivo

SICURI AL VOLANTE CON GARMIN E LA BACKUP CAMERA WIRELESS

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *