Running

MARCO BEGALLI, COME SI STA PREPARANDO PER LA MEZZA MARATONA ROMA-OSTIA?

Il suo Coach e Manager, Emiliano Ridolfini, ci racconta come si sta allenando in vista dell’appuntamento con la mezza maratona Roma-Ostia del 26 Febbraio.

Marco Begalli con i suoi 100kg ed il suo metro e 91cm non ha esattamente il fisico da maratoneta, ma il cuore, quello si. L’idea di partecipare alla mezza di Roma è nata vedendo che Marco, durante i 2 mesi passati ad allenarsi nell’isola di Barbados, naturalmente ha iniziato a correre sotto i 5 min a km, un tempo migliore di quello di 5 anni fa quando chiuse la Mezza Maratona di Roma a 1ora e 45 minuti. Considerati questi dati e considerato che in questo periodo non ci sono competizioni di Windsurf in vista ci siamo detti: “perchè non provare a superare noi stessi 5 anni dopo ??”. Dopo aver sentito diversi preparatori atletici, come al solito abbiamo deciso di fare di testa nostra. Infatti molti ci proponevano dei sistemi allenanti che avevano come obiettivo unico quello di potenziare i muscoli della gamba e aumentare la capacità aerobica cosa che Marco ha già di suo allenatissima vista la preparazione che ormai da 2 anni segue.

Parlando con Marco, invece, ho capito che il primo problema da affrontare è che non sapevamo assolutamente dove eravamo se volevamo iniziare ad essere competitivi anche nella corsa. Abbiamo quindi iniziato a svolgere una serie di Test di simulazione di maratona spingendoci su lunghe distanze e tenendo tempi sul Chilometro mano mano sempre più bassi per attestarci oggi intorno ai 4 minuti e 40 al Chilometro. In estrema sintesi il lavoro che stiamo portando avanti, sfruttando il corpo allenatissimo di Marco, è lavorare sulla sua autostima, motivazione e far crescere in lui la consapevolezza che l’obiettivo che può raggiungere è li davanti a lui, facile e raggiungibile.

In questo, ancora una volta, avere la possibilità di vedere i propri miglioramenti grazie alle tracce del suo GPS il Garmin 310xt è di fondamentale importanza.

Ora, l’obiettivo di domani, è superare il risultato di oggi.

Emiliano RIdolfini

Precedente

COME PUO' UN WINDSURFER CORRERE UNA MARATONA?!

Successivo

MILANO AREA C: QUANTI PROBLEMI! MA GARMIN MAPPA TUTTI I VARCHI

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *