Running

Live Track Garmin. Correte tranquilli.

Siamo tornati all’ora solare, un’ora indietro.
L’estate e le interminabili giornate con luce fino alle 21 stanno diventando piano piano – ahinoi! – un lontano ricordo.
Fino alla prossima primavera, tornare a casa dal lavoro, infilarsi un paio di scarpe e uscire per correre significherà avere a che fare col buio, una condizione non ottimale per chi corre in mezzo al traffico o in un parco.
Per stare tranquilli – voi e chi vi aspetta a casa per cena – portate sempre con voi un documento di identità (qualcuno preferisce dei bracciali identificativi con nome, gruppo sanguigno e numeri telefonici da contattare in caso di emergenza) e qualche euro.
Visto però che la sicurezza non è mai troppa, sfruttate la tecnologia Garmin per far sapere ai vostri cari dove siete e tra quanto sarete a casa. Così sapranno quando buttare la pasta!

running

Oggi vi parliamo di LiveTrack, la funzione sviluppata da Garmin per consentire ad amici, parenti, o all’intera comunità dei social network, di seguire la vostra corsa in diretta e quindi di sapere dove siete, comodamente da casa.

Come tutte le funzioni Garmin, anche la condivisione live è nata per scopi professionali; permetteva infatti ai preparatori atletici dei ciclisti in possesso di Edge 510 (il primo prodotto da ciclismo Garmin a implementare questa funzione), di monitorare anche a distanza le loro prestazioni.

La crescita del mondo social e, soprattutto, la grande richiesta dei runner di uno strumento simile anche per l’utilizzo  nel tempo tempo libero, ci ha convinti a sviluppare questa funzione, rendendola semplicissima da attivare e utilizzare.

Come attivare una corsa LiveTrack?

Bastano uno sportwatch Garmin (fornito quindi di GPS), un account Garmin Connect Mobile e uno smartphone che dovrete portare con voi durante la vostra corsa. Oggi, il mercato offre tantissime soluzioni per indossare comodamente il telefono durante l’attività sportiva.

Chi può vedere la mia uscita live?

Tutti! E’ possibile invitare i fan via mail oppure postando l’invito via Facebook o Twitter.
Aprite l’app Garmin Connect Mobile, entrate nella sezione LiveTrack

Garmin Live Track

e assicuratevi che di aver collegato il vostro Garmin tramite Bluetooth allo smartphone.

Garmin Live Track

Potete nominare la nuova sessione di allenamento o di gara.
Ora è il momento di invitare qualcuno a vedere la vostra uscita: potete inserire una mail (selezionando l’indirizzo, se desiderate, dai contatti in rubrica) oppure postare il link di accesso su Facebook o Twitter (con i classici criteri di scelta tra Amici e Conoscenti o con Restrizioni).

Garmin Live Track

Nel caso in cui vi scordaste di attivare la funzione LT, vi verrà in soccorso l’attivazione del metodo di avvio automatico impostando una velocità o passo minimo.
Non ultimo, se qualcuno degli invitati volesse osservarvi via LT da remoto e non avesse occasione di farlo in tempo reale, potrà visionare la la vostra performance entro 24h.

Garmin Live Track

Il vostro contatto riceverà una mail (o una notifica) che lo inviterà a selezionare un link. Non serve alcuna applicazione, nessuna password: il vostro amico entrerà direttamente in una pagina dedicata dal proprio pc o dal proprio smartphone.

Garmin Live Track

Attivate ora LiveTrack con l’apposito tasto e premete Start dal vostro Garmin.

La funzione è ottimizzata per essere visualizzata correttamente anche su smartphone.

Garmin Live Track

Sul pc di casa è possibile avere delle informazioni addizionali, come i grafici di frequenza cardiaca, quota, cadenza, passo.

Garmin Live Track

La sessione rimarrà attiva sino a quando non terminerete la corsa: a quel punto l’accesso sarà inibito.

Bello, vero?

E se avete un prodotto della serie Edge con connessione Bluetooth potete condividere anche le vostre uscite in bicicletta, offrendo la lettura dei dati raccolti da tutti i sensori associati, una meraviglia per il vostro preparatore

Garmin Live Track

Garmin Live Track

Previous post

ERG IQ, l’app dedicata agli strumenti Concept2

Next post

"Sì... viaggiare, rallentando per poi accelerare"

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *