Running

La mia Deejay Ten

In passato avevo già praticato il podismo, anche con discreti risultati: nel 2010 sono riuscito a chiudere i 10 km poco sopra i 50 minuti; risultato di cui sono ancora orgoglioso. Per un banale problema fisico, però ho smesso per un po’ e solo recentemente ho ripreso a correre “trascinato” da un amico che sembra aver intrapreso una “lotta ai miei chili in eccesso” (grazie Luca!!). E con piacere ho accettato la sua proposta di partecipare anche alla DeeJay Ten svoltasi domenica a Milano.Non sono ancora particolarmente allenato e infatti la mia intenzione era di confrontarmi con la distanza dei 5 km, ma per un disguido o per uno scherzo di Luca (questo dubbio mi rimarrà sempre), sono stato iscritto alla 10 km:

“Nulla di grave, Luca, vorrà dire che mi prendo il lunedì di ferie: in 24 ore dovrei riuscire a percorrerli tutti, che diamine!”

La domenica mattina in un moto d’orgoglio prendo un impegno con i miei follower e amici di Facebook lanciando sui due social network il seguente impegno:

1h20’ mi sembrava un tempo ragionevole visto che da un po’ che non provavo questa distanza (mi ero preparato per la 5 km) prevedendo che in alcuni tratti avrei camminato o mi sarei persino fermato a riposarmi.

Allo sparo dello starter abbiamo iniziato.
Il primo chilometro l’ho percorso di fianco a Luca, ma per poi arrivare fino in fondo ho preferito rallentare.

Prevedibilmente le difficoltà le ho riscontrare dopo il 5°km , tant’è che per non pensare alla stanchezza ho mandato qualche tweet anche durante la gara (con il comprensibile sdegno degli altri podisti che mi erano di fianco).

La sorpresa è stata guardare il mio Garmin Forerunner 10 durante l’ultimo chilometro: segnava i 52’ e rotti, un tempo che non mi sarei mai aspettato e stringendo un po’ i denti ho deciso di continuare a correre e, seppur con un passo sempre più lento e stanco, ho chiuso la corsa in 59’15” (il tempo effettivo di corsa e non quello calcolato dallo sparo d’avvio).

Una bella lezione per me: devo smetterla di sottovalutarmi, e non mi riferisco solo al running!

Ps: Luca, a quando la prossima gara?

Precedente

Come si sono preparati i nostri "atleti" alla DeeJay Ten?

Successivo

La fortuna aiuta gli audaci anche quando a navigare è un catamarano

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *