The Dreamers

La ciliegina

Sabato ho svolto una seduta davvero interessante: un collinare impegnativo di 23k su e giù x le vie dei prosciutti. Martedì 13k rilassati con tanto di lucina sulla testa per illuminare il percorso e non solo… anche per abituarmi a quella che presumo sarà l’ultima vera sfida da “Dreamer”: la famosa Saintelyon, un  trail in notturna di 75 km! Non vedo l’ora di partire per Saint étienne e provare quest’avventura che partirà a mezzanotte in punto di Sabato 7 Dicembre e spero che mi veda arrivare al traguardo la mattina della Domenica nell’incantevole Lione. Facendo una riflessione rapida è incredibile come sia partita quest’avventura con Garmin, dove l’obiettivo si è a mano a mano evoluto e spostato in maniera proporzionale alla crescita del mio entusiasmo. Ora l’obiettivo temporale delle 3h e 45′ minuti nella classica distanza dei 42,2 k è stato raggiunto nella Verona Marathon; per arrivare a concludere 10 maratone in un anno devo portare a conclusione la Venice Marathon il 27 ottobre e la Firenze Marathon il 24 novembre, gare che al contempo saranno degli allenamenti per il super impegno che mi aspetta per concludere alla grande quest’avventura. Ho già cominciato ad allenarmi con l’obiettivo del trail e delle lunghe distanze e presumo che dopo Venezia ricomincerò con le salite impegnative (a Lione ci saranno anche 1500 mt di dislivello) a scapito ovviamente della velocità. Ora l’unica cosa a cui devo pensare è di fare attenzione agli infortuni, che nella corsa sono sempre dietro l’angolo (tocco ferro e non solo…)

Ima01

Precedente

Antonello Salvi ci racconta gli ecoscandagli CHIRP

Successivo

Garmin Italia al fianco della fondazione Triathlon Laureus

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *