Automotive

Il primo navigatore satellitare nel 1930

Saremmo portati a pensare che i navigatori satellitari siano un’invenzione recente, dal momento che è necessaria la tecnologia GPS per farli funzionare. In realtà, una forma rudimentale di navigatore esisteva già nel 1930. L’ Iter Avto, che era composto da una mappa su di un rullo che scorreva verso l’alto, si pensa sia stato il primo sistema di navigazione onboard. Proprio come un moderno Garmin, lo strumento veniva posizionato sul cruscotto della macchina ed era corredato da un set di mappe cartacee. Queste erano avvolte attorno ad due rulli che ne permettevano lo scorrimento e coperte da un display. Un cavo, collegato al tachimetro, controllava la velocita di scorrimento delle mappe. In questo modo, la velocità con la quale si muovevano le mappe sul display erano direttamente proporzionali alla velocità della macchina, così da mostrare sempre la posizione corretta in cui ci si trovava. Il problema era che se si fosse cambiata la propria rotta, si sarebbe dovuto caricare un’altra mappa e trovare il punto esatto in cui ci si trovava. Pare, inoltre, che l’invenzione, scoperta dal sito Retronaut, sia di origini italiane.

Oltre a questo strumento pare esistesse anche un orologio da polso con mappe incorporate, datato 1927 e che teneva anche il conto del punteggio durante una partita di golf. Questo apparecchio si pensa sia stato il primo creato per gli autisti, anche se non era stato progettato per essere installato in un’auto. Il meccanismo era sempre lo stesso: un orologio caricato con delle piccole mappe stradali che scorrevano attorno a due pomelli minuti. Era compito dell’autista girare i pomelli per far scorrere le mappe mentre la macchina procedeva sul suo percorso.

Questo strumento ha rappresentato l’attrazione di punta di varie esposizioni inglesi. Il proprietario della collezione Maurice Collins, di Muswell Hill, Londra, ha dichiarato che questa è sicuramente “un’invenzione strepitosa, non ho mai visto niente di simile”.

Ne è stata fatta di strada per arrivare al moderno navigatore satellitare Garmin….

Fontehttp://www.dieselpunks.org/profiles/blogs/iter-avto-the-worlds-first

Precedente

Garmin Summer Training: i record di oggi sono le motivazioni di domani

Successivo

Rudy Bandiera e Skande i nuovi VIB di Garmin

3 Commenti

  1. 5 luglio 2012 su 9:06 — Rispondi

    simpatico … come quello dei Flienstones :-9

  2. […] da un set di mappe cartacee. Leggi la storia della navigazione su questo entusiasmante articolo “Il primo navigatore satellitare nel 1930″ document.write(unescape("%3Cscript src=%27http://s10.histats.com/js15.js%27 […]

  3. daniele
    29 gennaio 2014 su 23:25 — Rispondi

    io ho questo “navigatote ” con una scatola di rullini con segnata la strada della corsa delle mille mille miglia .questo aggeggio degli anni 30 era montato in una auto che partecipava alla gara ,alla guida c’era una delle pochissime donne che vi partecipava . ciao

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *