Running

Garmin Running Tour Jesolo – Missione compiuta!

“Where is Jesolo?” Mi ha scritto qualcuno su Instagram, dall’altra parte dell’Oceano, incuriosito dagli ombrelloni e dalla sabbia che facevano da sfondo al mio pettorale di Garmin Running Tour.

Beh, Jesolo è una località neppure troppo piccola (circa 26 mila abitanti), che si affaccia sulla laguna veneta, ed è anche la prima tappa del circuito di 10K che comprende Riccione, 25 giugno, e Venezia, 23 ottobre, dove si correranno gli ultimi km del tracciato della Venicemarathon (l’anno scorso c’ero e vi assicuro che il percorso è incredibile!).
Com’è stata la prima tappa del Garmin Running Tour? Bella ma faticosa, almeno per me, a causa delle gambe affaticate dall’allenamento “tirato” del giovedì. Il percorso? Da Cavallino-Treporti a Jesolo, con traguardo nella centralissima Piazza Mazzini. Ero con un gruppetto di runners ferraresi che non perdono una competizione; alcuni hanno corso con me la tappa del Garmin Running Tour 10k, altri hanno preso parte alla Moonlight Half Marathon, organizzata da VeniceMarathon.

La navetta ci ha portati a Cavallino un’oretta prima dello start così mi sono guardata attorno percorrendo un tratto del percorso che si affaccia sulla laguna insieme a Daniele, un amico che arriva sempre ultimo, anche se domenica non ce l’ha fatta a tagliare il traguardo in ultima posizione. Ma è tempo di prepararsi, un po’ di riscaldamento, quindi sistemo il vívoactive HR e si parte!

Garmin Running Tour

Siamo in tanti e non è possibile correre a un’andatura sostenuta, cerco di fare un po’ di zig-zag e finalmente quando potrei aumentare il ritmo, mi accorgo che le gambe non ne vogliono sapere di andare più veloci. Mi ripeto dai, lo dice anche Stefano Baldini, si fatica di più a correre lenti perché si sta più tempo sulle gambe, ma niente, quel pensiero non funziona e mi setto sui 5’20”. Poi, visto che le gambe sembrano piombo fuso, decido di prendermela davvero con calma fermandomi a fotografare i runners che animano il paesaggio. Ed è un edificio altissimo, in rovina, ad attirare la mia attenzione… Si tratta di una torre telemetrica, dell’epoca della Grande Guerra, che un tempo svolgeva attività di osservazione del naviglio in mare. Click, click. E arriva il ponte che porta a Jesolo centro. E chi incontro sulla salita?!? Il mio amico fotografo austriaco Horst. L’ultima volta l’ho visto a Monterosso, in cima a una ripida salita (non ci si incontra mai a tavola). Irene guarda avanti e non fermarti, altrimenti non arrivi più, dico a me stessa. Okay, ed eccomi sull’infinito viale della cittadina marina pieno di negozi, ristoranti e hotel, con i bimbi che allungano le mani per dare un “5” a noi runners, e taglio il traguardo! Medaglia del Garmin Running Tour, banana, biscotti e massaggio!

Quando torno al Village scorgo il mio concittadino Rudy Magagnoli sul palco intento a ritirare il primo premio… È lui ad essersi aggiudicato la gara. Well done! Ora ti devi ripetere a Riccione, prossima tappa del Garmin Running Tour 😉

 

By Running Post

Precedente

E se vivosmart HR ti dice di muoverti, assecondalo!

Successivo

Un giorno al Giro d’Italia con Riccardo Volpe

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *