Marine

Chi la Mura la vince: una giornata con Gaetano Mura

Presentiamo oggi Gaetano Mura, velista e nuovo collaboratore di Garmin. Da ottobre la sua imbarcazione, un class40 varato circa 3 anni fa, verrà equipaggiata di tutta la migliore strumentazione che Garmin Marine può offrire al momento. Un radar GMR18xHD, il pilota GPH Reactor e stazione del vento gWind Race. Inoltre il display multifunzione GPSMAP permetterà di ridurre gli spazi i pesi ed abbassare il baricentro della console interna, mentre la nuovissima VIRB XE garantirà riprese stabili e in full HD in tutte le condizioni di navigazione. Ma andiamo a scoprire chi è Gaetano Mura.

Gaetano MuraGaetano Mura è nato il 7 luglio 1968 a Cala Gonone sulla costa orientale della Sardegna dove ha sempre vissuto; qui il rapporto con la natura è la vita stessa, e al mare Gaetano ha consacrato la sua esistenza, nell’app
assionato incontro tra lavoro, sogno e avventura.

Rapporto simbiotico quello con il mare e la natura come traspare da queste sintetiche ma chiare note biografiche: “Quando avevo 11 anni chiedevo il permesso ai miei genitori di poter andare a dormire sulla vecchia barca di mio padre ormeggiata in porto. Durante la notte quando ero certo di farla franca, mettevo in moto il motore e mollati gli ormeggi giravo all’interno del piccolo porto, poi tornato in banchina stendevo il sacco a pelo sul tavolaccio della cuccetta tra odore d’umido e di sentina nel buio della cabina. Quando non erano più i due moli a delimitare l’orizzonte sognavo di navigare e mi addormentavo felice”

Dove è nato Gaetano Mura non esistono circoli velici, tradizioni marinare, esperti velisti. Un limite che non lo ha fermato e grazie alla sua tenacia e perseveranza è riuscito a tagliare importanti traguardi.

La carriera in mare inizia presto quando si imbarca come mozzo sui pescherecci, poi prosegue come comandante sul trasporto passeggeri di piccolo cabotaggio, sempre a Cala Gonone.

A vent’anni acquista il Dovesesto un fatiscente veliero d’epoca di 23 metri col quale una volta restaurato si guadagnerà da vivere facendo charter e sarà la scuola della sua vita da navigatore. Autodidatta per forza di cose ha imparato a navigare da solo, trasformando la sua passione in un impegno concreto attraverso studio e determinazione.  Imparando a comprendere il vento onnipresente nella sua isola.

Ha al suo attivo 5 traversate oceaniche delle quali due in solitario; negli ultimi anni ha regatato a tempo pieno nel circuito mini 650 sia in Italia che all’estero. La sua vocazione è la navigazione in solitario, quella che gli è più congeniale e per la quale sente di avere una predisposizione fisica e mentale. Ha partecipato alla Mini Transat 2009: un mese di navigazione che lo ha portato a tagli
are un importante traguardo sportivo.

Nel 2010 prende il via “GIRONELMONDO”. Un progetto che si concretizza con la costruzione di un  class40 nel cantiere riminese di Bert Mauri. Nel marzo del 2012 il varo di Bet1128 a Rimini, ad agosto la prima regata con la nuova barca: alla Palermo Montecarlo dove vince  nella categoria class40. Ad ottobre la seconda regata in Mediterraneo: alla  33esima  edizione della Rolex Middle Sea Race dove si piazza al secondo posto.

Nel  2013 “GIRONELMONDO”  arriva in Oceano con la partecipazione alla regata atlantica  Les Sables-Horta-Les Sables dove Bet1128  guadagna un importante terzo posto nella seconda tappa della regata. A Novembre la partecipazione alla prestigiosa transoceanica Jacques Vabre – da Le Havre in Francia a Itajai in Brasile – dove nonostante il disalberamento  riesce nell’impresa di restare in gara e toccare il traguardo al decimo posto e primo degli italiani.

”Sono un principe libero ed ho altrettanta facoltà di fare guerra al mondo intero quanto colui che ha cento navi in mare” [Black Sam]
Gaetano Mura

 

Precedente

Aggiornamento VIRB Mobile App

Successivo

Garmin Dash Cam 30 & 35: un compagno di guida silenzioso e sempre attento

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *