Outdoor

Federico Pellegrino torna alla vittoria in Coppa del Mondo

I veri sportivi lo sanno bene: vincere è difficile, confermarsi lo è ancora di più. É per questo che oggi vogliamo parlare di Federico Pellegrino, tornato sul gradino più alto del podio in una tappa di Coppa del Mondo di Sci di Fondo in una città che ormai potrebbe considerare sua, al pari di Nus, in Val d’Aosta, dove invece vive. È successo ancora. L’anno scorso, sulla neve di Davos, nel Cantone dei Grigioni in Svizzera, la prima vittoria in Coppa del Mondo; quest’anno la replica, come solo i grandi sanno fare. Sesto tempo in qualifica e gara pressoché tranquilla fino alla finale, dove il russo Sergey Ustiugov è caduto in fondo alla discesa mandando largo e lungo il nostro Federico Pellegrino. Da li l’inizio del vero capolavoro atletico e tattico: dopo una disperata rincorsa del norvegese Sondre Turvoll Fossli, terminata in cima alla salita, il sorpasso all’esterno, per primeggiare all’arrivo davanti al francese Baptiste Gros.

Federico Pellegrino

Ora Federico Pellegrino si trova al comando della classifica Sprint di Coppa del Mondo. “Oggi avevo tutto: gli amici del fans club, la mia famiglia, la mia fidanzata Greta, gli sci giusti. A volte nelle sprint però questo non basta; sono i dettagli a fare la differenza”, ci ha rivelato Federico a fine gara. Il suo pugno destro al cielo all’arrivo è sintomo di una tranquillità e di una consapevolezza trovata che d’ora in avanti gli permetteranno di gareggiare più sereno e di crescere. Il suo Garmin Forerunner 920 XT ha dovuto fare gli straordinari nell’ultima preparazione atletica e a dimostrarlo era la freschezza nelle fasi più dure della gara, nelle quali Federico appariva disteso e agguerrito come non mai.

Il secondo atto di Davos è ormai in bacheca e il pensiero può, anzi deve, andare a Dobbiaco e alla seconda Sprint Skating della stagione. Forza Chicco!

 

Precedente

Garmin allarga le frontiere dello sport: Connect Mobile 3.0 ora disponibile anche per Windows 10

Successivo

Una stampante 3D a bordo di una barca a vela? È possibile con Trans Island Project

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *