Triathlon

Eccolo, ecco il traguardo!

Ero lì sulla riva del lago, immobile a scrutare l’orizzonte, nonostante il freddo che mi faceva tremare, nonostante l’influenza, nonostante la febbre passata da poche ore, nonostante i timori e le paure ero lì immobile ad “ammirare” il mio traguardo.

Una scarica di adrenalina mi ha attraversato la schiena ancora prima che l’acqua filtrasse dalla muta… A pochi secondi dal via ero già in mezzo alla mischia a lottare per il mio spazio. La mattanza questa volta non mi faceva paura, anzi, tutto quel ribollire contribuiva ad alimentare la mia voglia di arrivare. Le bracciate si susseguivano ed io, con la mente totalmente sgombra, avevo la sensazione di osservare il mio corpo muoversi nell’acqua.

Nonostante qualche fastidioso crampo a 500 mt dalla riva, sono uscito dalla T1 veloce e ho iniziato un percorso ciclistico a dir poco mozzafiato. Panorami incredibili, strade perfette, clima magnifico mi hanno accompagnato per tutti i 90 km.
Non riuscivo a smettere di guardarmi attorno estasiato, ero talmente preso e coinvolto dalla cornice che, a 10 km dalla T2, ero quasi dispiaciuto che fosse già finita.

Crampi, ancora crampi!
Uscito dalla zona cambio brillante con un bel passo ho affrontato i primi I primi 5 km volando. Poi il blocco.
Sulla prima salita del secondo giro i crampi si sono fatti più forti e decisi, tanto da bloccarmi completamente il movimento del polpaccio destro. Sono fermo, le fitte all’addome e al femorale, sono state così intense che mi sono accasciato a terra. Non avevo idea di quanto avrei resistito a quei dolori, sapevo solamente che dovevo correre ancora 16 Km, soprattutto era necessario farlo nel minor tempo possibile.


Luca Conti - Triathlon

Quello è stato il momento più difficile che ho dovuto affrontare: la testa mi diceva di proseguire, il corpo si rifiutava di farlo. Una sfida nella sfida, un traguardo da raggiungere prima di arrivare al traguardo finale. Ancora oggi, non so dove ho trovato le forze per rialzarmi, non so spiegarmi come sia riuscito a rimettermi in piedi, distendere i muscoli contratti e rimettermi a correre. So però che ricorderò a lungo ogni singolo passo di quella cavalcata finale, gli sguardi del pubblico, le smorfie degli altri concorrenti, le sensazioni vissute, sono state per me elementi preziosi da custodire per il futuro.

Eccolo, ecco il traguardo!
Stavo correndo su quel tappeto azzurro tra due ali di folla che mi incitava, urlava, cantava. Il rumore era assordante, il cuore sembrava scoppiarmi in gola, l’emozione era tale che persino il dolore era passato in secondo piano. Man mano che mi avvicinavo a quell’arco la sensazione di gioia cresceva in modo esponenziale. Poi, così come è iniziato, tutto si è consumato rapidamente tra i flash dei fotografi, la musica assordante, gli assistenti di gara che mi parlavano mentre io, commosso e dolorante, cercavo tra la gente uno sguardo famigliare.

Ora posso dirlo, ho vinto la mia sfida, anzi, le mie sfide!

Luca Conti - Ironman

Precedente

#Fabian si aggiudica un buon sesto posto nella tappa finale di Grand Prix a Nizza

Successivo

Il Garmin Quatix al Salone di Genova 2013

3 Commenti

  1. Rossana Luisa Spiller
    30 settembre 2013 su 13:25 — Rispondi

    Iron men è una conquista ed un premio che si vince prima nel cuore e nella gambe, poi nella testa… Ne ho amato uno tanti anni fa… e di quella che sembrava ad altri una pura pazzia io ho amato il sogno che stava dietro e dentro quella adorabile follia.. continua così, Luca. Sono pochissime le persone che accettano il "prezzo da pagare" per i sogni. Tutti vogliono vincere facile. Tranne un Iron Man..

  2. Monica Moretti
    4 ottobre 2013 su 15:40 — Rispondi

    Ciao Luca, complimenti, certe soddisfazioni le capiscono solo coloro che fanno tanti sacrifici. Non ho mai fatto sport a livello agonistico e sono fondamentalmente una pigrona, però mi piace camminare e in passato ho fatto tanto trekking. Ci sono momenti nel trekking dove credi di essere ad un passo dalla vetta, è lì che ti guarda, la vedi e ad ogni curva ti dici “dai, è l’ultima” per poi ritrovarti ad affrontare l’ennesima curva e l’ennesima salita che ti toglie il fiato e ti spacca le gambe. Poi arrivi all’ultima curva ed è come rinascere, non senti più il male, l’energia e l’adrenalina sono talmente tante che saresti disposto a ricominciare e la soddisfazione di avercela fatta è tutta tua. Mi ricordo il 14 agosto 2000, feci in un solo giorno la salita del Monte Alto e del Monte Acuto nel nostro appennino, alla sera cena veloce e alle 22 partenza per Fornovo-Passo della Cisa a piedi in notturna (con la luna piena). Alle 3 del 15 Agosto arrivai a Berceto, mancavano solo 8 km al Passo e le mie gambe non ce la facevano più, ero stanca, avevo sonno e soprattutto una delle macchine era parcheggiata li che mi faceva l’occhiolino. Ho resistito, ho continuato e alle 5,20 ero sui gradini che portano alla chiesa del Passo, mi ricordo che siamo entrati nella chiesetta per lasciare un ricordo e all’uscita non riuscivo più a scendere le scale, le gambe non mi rispondevano più, così sono scesa all’indietro, una scena che ancora adesso ci strappa un sorriso. Ora il fisico e l’età non mi permettono più certe cose, mi restano tanti ricordi bellissimi, tante immagini impresse nella mia memoria. Vai avanti Luca per la tua strada e non dimenticare mai questi momenti. Forza Iron man !

  3. […] sono state le parole che ho usato per chiudere la mia avventura nel Reality Sport Talent della Garmin ma al tempo stesso saranno le parole che utilizzerò per iniziare la mia nuova avventura verso […]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *