Ciclismo

Danilo e il suo Edge arrivano in Transilavania

Incontaminate foreste selvagge, caratteristici villaggi, antiche chiese fortificate, castelli gotici, racconti e leggende di fantasmi e vampiri… la Transilvania. Cinquantunesimo giorno di spedizione per Callegari che conquista la Transilvania, questa mistica e magica regione centrale della Romania.
Ed ecco la Transilvania descritta da Callegari: “Sinceramente mi diventa difficile trasmettere a parole le emozioni che ho vissuto in questi giorni immerso in quello che da molti è definito: l’ultimo territorio selvaggio del nostro Vecchio Continente. Poche volte in vita mia mi sono sentito così “a mio agio”.
Amando profondamente la Natura selvaggia, non potrei non adorare questi immensi spazi. Pedalare qui è estremamente affascinante, sentire i rumori della foresta, il profumo del legno emanato da alberi appena tagliati, ascoltare i rintocchi di campane infisse su antiche torri, apprezzare i mille profumi di cibi speziati attraversando isolati villaggi vicino l’ora di pranzo, percepire l’odore di fumo che già di prima mattina esce dai neri camini delle abitazioni, pedalare accompagnato dai ripetuti “gong” dei campanacci appesi al collo di bovini al pascolo… e ancora… trafiggere la fitta nebbia che ricopre le valli e i boschi, ascoltare il mio respiro affannoso durante le dure salite, ammirare panorami mozzafiato, avere la fortuna di potermi soffermare e “perdermi” tra laghi, torrenti, valli… decido di fermarmi vicino ad un albero, scendo dalla bici, mi siedo a terra, chiudo gli occhi e immagino questi stessi luoghi diversi secoli fa. Carrozze trainate da cavalli, inquietanti creature assetate di sangue, streghe bruciate nei roghi, cavalieri in armatura, fantasmi e vampiri… Posso comunque confidarvi che molto spesso la realtà supera la fantasia. Questi luoghi vivono di un fascino indescrivibile.
Ora mi trovo a Brasov, città simbolo di questa regione. L’ho raggiunta ieri e oggi andrò alla scoperta di meravigliosi castelli leggendari e tra qualche giorno raggiungerò la città natale di Dracula: Sighisoara. La Transilvania è una regione adatta agli amanti della Natura e dell’avventura, la Romania è un Paese fantastico ma ancora di più lo è il suo popolo.
Un affettuoso saluto a tutti voi che mi seguite.
Danilo”

Fontehttp://danilocallegari.com/cinquantunesimo-giorno-transilvania/

Precedente

Mauro Giaconia vince la 12 ore di nuoto di Paullo in 1.590 vasche

Successivo

Superare gli altri è avere la forza, superare se stessi è essere forti

1 Commento

  1. giorgio
    3 gennaio 2015 su 15:49 — Rispondi

    Ammiro il tuo viaggio,sono d’accordo per quell’aria di nuovo e selvaggio che trovi s che vorrei assaporare anch’io. In bocca al lupo per la tua esplorazione e se possibile
    fammi sapere se ci saranno altri post grazie . Ciaoo Giorgio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *