Outdoor

Danilo Callegari: tornato dalla Russia si prepara per la Tanzania

Conclusa con successo la grande avventura di Danilo Callegari: scalata dell’Elbrus (5.642 mt) e ritorno in Italia in bicicletta con circa 4.000 km percorsi. L’atleta friulano guarda già alla prossima impresa contemplata dall’ambizioso progetto 7SUMMITS Project SOLO, destnazione Tanzania (Africa).  E’ arrivato il 22 dicembre in una Pordenone in festa, portando a compimento un’impresa ai limiti dell’estremo. Partito il 4 ottobre per la Russia, l’esploratore/atleta friulano Danilo Callegari ha conquistato l’Elbrus il 14 ottobre (5.642 mt, la più alta vetta d’Europa) in stile alpino, in solitaria e senza ossigeno supplementare. Poi è cominciato l’incredibile viaggio in bicicletta attraverso Russia, Ucraina, Romania, Ungheria, Slovenia, fino alla meta finale. 4.000 km sulle due ruote, in compagnia solo di partner tecnologici di altissimo livello, come Garmin. Danilo, infatti si è fatto guidare dal suo Montana e dal suo Edge montato sulla sua bici, fondamentale compagna di viaggio. E’ il compimento della seconda grande avventura prevista dal progetto 7SUMMITS Project SOLO. Oggi la mente di Danilo è già proiettata in Africa, nella torrida Tanzania, meta della terza grande avventura di 7SUMMITS Project SOLO. Nuova impresa degna di un atleta che, romanticamente, si definisce un “realizzatore di sogni”. Espressione che ben racchiude la determinazione del ventinovenne friulano. La conquista delle sette vette più alte di ogni continente è un obiettivo comune alla maggior parte di alpinisti. Ciò che rende il progetto di Danilo diverso e irresistibilmente affascinante è la poliedricità. L’ascesa di ogni vetta è accompagnata dall’esplorazione dei paesaggi naturali: foreste, distese torride o ghiacciate, giungle, laghi, mari. La conquista della vetta si inscrive dunque in un viaggio ben più vasto, affrontato, di volta in volta, a piedi, in bici, a nuoto, in canoa, a seconda delle circostanze. Sette imprese ai limiti dell’estremo, ognuna parte di un unico, grande progetto. E soprattutto una grande avventura alla scoperta di sé: “Non ho la presunzione di superare i limiti umani” dice Danilo “ma solo la curiosità di capire quali sono i miei”.

Per maggiori info: www.danilocallegari.com

Precedente

Con i nuovi Oregon, l’outdoor è un’esperienza mai vista prima

Successivo

Garmin e Marcialonga 2013 live su Twitter

1 Commento

  1. […] l’articolo sul blog ufficiale Garmin! Tweet ←Post […]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *