Ciclismo

Cristian Cominelli quarto ai Campionati italiani CX di Orvieto

Un contatto in partenza gli fa perdere la ruota dei migliori ma grazie ad una caparbia rimonta il portacolori dell’Avion Axevo Pro Team sfiora il podio giungendo a soli 6” dal terzo classificato. Cominelli si conferma tra i top rider italiani ed ora si attende la convocazione per il mondiale del 26 gennaio in Olanda.

Una prova tutta in salita per il nostro Cristian Cominelli che ai campionati italiani di ciclocross 2014 corsi nella giornata di ieri ad Orvieto ha sfiorato un clamoroso podio. Partenza difficile, a causa di un contatto alla prima curva che gli fa perdere la ruota dei migliori, costringendolo ad una lenta ed inesorabile rimonta.

Mi spiace per l’inconveniente al via che mi ha fatto perdere secondi preziosi – commenta Cominelli – il percorso era velocissimo ma anche ricco di insidie, passaggi tecnici e cambi di direzione che richiedevano abilità nel disegnare le traiettorie e potenza nei rilanci. Stare li davanti era fondamentale per non essere tagliato fuori dalla lotta alla vittoria.”

Cominelli corre per gran parte della gara attorno alla 9ª posizione, con un vistoso strappo sui pantaloncini che non lascia dubbi sul grande rischio corso nelle fasi della partenza. Ma tornata dopo tornata ritrova lucidità ed il ritmo giusto, risalendo una posizione dopo l’altra fino a chiudere in 4ª posizione, a soli 6” dal terzo gradino del podio.

Anche se non è arrivato il podio, a cui tenevo molto, ringrazio per tutto il supporto il team Avion Axevo, lo staff e tutte le persone che mi hanno seguito e supportato. Un grazie speciale ad Axevo che ha creduto in me e mi ha messo a disposizione dei mezzi performanti come le innovative Xcross disc – conclude Cristian – ma dovendo guardare l’aspetto positivo, ora posso dire d’essere tornato tra i migliori in Italia e resto fiducioso per la convocazione in azzurro in vista del mondiale che si correrà il 26 gennaio in Olanda.”

Precedente

vívofit™: la fascia fitness di Garmin

Successivo

Per Moro e Goettler acclimatamento a 5000 metri

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *