Outdoor

COMINCIANO I PREPARATIVI PER L'ASCESA DI SIMONE AL G2

Finalmente operativi a Skardu. Ieri infatti siamo riusciti a volare da Islamabad verso questa cittadina tra le montagne del nord del Pakistan. Il volo ha subito un forte ritardo la mattina ma alle 14.40 siamo decollati ed atterrati dopo 43 minuti di volo fantastico sopra montagne altissime tra le quali dominava sicuramente il Nanga Parbat di 8125 metri. Sempre incollati al finestrino non ci siamo nemmeno accorti del passare del tempo. Siamo poi venuti nell’albergo predisposto per il nostro arrivo ed abbiamo cominciato a pianificare i giorni che seguiranno.

Stamattina io e Denis siamo andati al mio magazzino e controllato e preparato il mio materiale che nel 2008 avevo lasciato qua in prospettiva per la spedizione che ora stiamo per concretizzare. Tutto era ok e dunque nessuna cattiva sorpresa ha rovinato questo inizio d’anno. Dopo la preparazione del materiale è iniziata la distribuzione del vestiario e delle attrezzature e calzature ai 3 componenti del nostro staff di campo base. Un cuoco, un aiuto cuoco, un base camp manager and guide e l’ufficiale governativo delegato a seguirci e controllarci per tutto il periodo della spedizione. Il Gahsrbrum 2 infatti si trova in zona di guerra, sulla linea di confine di un area disputata con l’esercito indiano e che rappresenta uno dei decennali conflitti tra i due paesi. Domani andremo al campo base del Kosar Gang, la montagna di 6400 metri che intendiamo salire per acclimatarci durante i prossimi 6 giorni. La quota di 6400 riportata dalle mappe a noi sembra eccessiva guardando l’orografia illustrata su google earth e sarà dunque curioso vedere quale sarà quella riportata sul GPS.

Il giorno saremo di ritorno qua a Skardu per incontrare i piloti ed i vertici militari del reparto elicotteri che dovranno metterci a disposizione l’elicottero MI17 che abbiamo già pagato alla Askari aviation nei giorni scorsi. A tale proposito già tre giorni fa ho incontrato il Brigadiere e pilota d’elicottero che ha salvato Tomaz Humar nel 2005 e che ha ricevuto per quello gli onori militari ed il grado di altissimo livello che oggi ricopre. Qua a Skardu le temperature sono invernali ma non sembrano quelle estreme riportate dai bollettini che davano -14 durante il giorno e 19,6 la notte. Penso che di notte andrà a -10 e di giorno sarà intorno agli 0 gradi. All’ombra però il freddo si sente e sono curioso di vedere cosa riporterà il termometro nei prossimi giorni durante la salita. Al momento non c’è neve a Skardu ma solo sulle montagne intorno. Ad occhio non sembra tantissima e spero che questa supposizione sia confermata dalla realtà. Nei prossimi giorni porteremo con noi solo l’attrezzatura alpinistica ed il telefono satellitare. Non so se riusciremo a mandarvi foto e video perché dovrei portare generatore di corrente, benzina, cavi elettrici, computer ecc. ma questo non penso sia possibile perché abbiamo pochi portatori che verranno con noi. Tutta la logistica è invece organizzata per il campo base dove invece saremo in grado di mandarvi costantemente aggiornamenti. Ciao e a presto. A proposito: BUON ANNO!!!

Simone

Precedente

UNA NUOVA IMPRESA PER SIMONE MORO: IL CHIRP PIU' ALTO DEL MONDO

Successivo

LASSU' SI ARRIVA A -50 GRADI... ORA SIAMO PRONTI!

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *