Automotive

Cinque ragazzi, qualche dollaro e il coast-to-coast da LA a NY

Agosto 2006, ricorre il mesiversario della semifinale Italia-Germania 2-0… Davanti agli occhi dei cinque turisti per caso, c’è ancora la prodezza balistica di Grosso… tutto lo stadio è in delirio: gente che urla, si spoglia e si strappa i capelli… nelle orecchie una voce: “Palla tagliata, messa fuori…c’è Pirlo, Pirlo… Ancora, Pirlo, di tacco… tiro! GOOOOL”… Mario si desta, apre gli occhi: il sudore cola copioso. C’è ancora l’olezzo della maglietta-talismano dei mondiali mai lavata… è un sogno, l’Italia è campione del mondo… un sogno. Caressa è lì, che gli urla nelle orecchie… dal cellulare N70. C’è qualcosa che non va… altro che Westfalen Stadion di Dortmund: lo scenario è molto più raccapricciante. Mario è sul letto, in piedi. Al suo fianco non ci sono le bionde tedesche, ma solo il suo amico Cutri, nella sua immensa beltade che esclama: “Mario… e che cazzo!”.

Che ci crediate o no, questo è lo scenario che si è ripetuto per tutte le mattine dei nostri giorni americani, durante il Coast-to-Coast da Los Angeles a New York. Un viaggio all’avventura fatto di fatica, di sveglie all’alba e di ore infinite in macchina, ma anche di giorni indimenticabili, come i paesaggi e le città che abbiamo attraversato. Cinque ragazzi, una valigia a testa, qualche dollaro, una Mazda MPV e tutto è pronto per iniziare.

Los Angeles, ore 6.20: Caressa ci sbatte giù dal letto e ci trasciniamo in macchina per affrontare, inconsapevoli del lungo calvario, la prima tappa del tour. Un rapido sguardo alla cartina e via che si parte.

Ore 7.00: la Mazda MPV imbocca la Highway 101 direzione Nord San Francisco, alla guida il solito Mario. Bollettino del traffico: H101 heavy traffic direction north. Animo in pace e cuore in mano, ci si avvia… Lasciata alle spalle la grande metropoli, accogliamo i lamenti dei cinque stomaci e optiamo per il breakfast. Menù leggero adatto per i lunghi viaggi: un tot di uova sbattute a testa, accompagnate da bacon, salsiccia e bistecca alta 5 cm di prima qualità, patate e pancake affogati nello sciroppo d’acero. Il tutto sempre e comunque annaffiato da litri di quella brodaglia nera che gli americani si ostinano a chiamare caffè… Comunque, un paio di rutti, tre o quattro sigarette e si riparte di gran carriera.

Il viaggio scorre lento (come i limiti di velocità imposti dal grande stato della California) e inesorabile… Cutri sonnecchia con un rivolo di bavetta che scende sul lato sinistro della bocca… Berto sta cercando di manomettere il lettore cd, fino a quando perde la pazienza e incastra con gentilezza il cd dei Sistem Of A Down. La dolce melodia heavy rock invade l’abitacolo e le nostre orecchie e, dopo qualche giorno sulla costa ovest, ci troviamo a percorrere le strade innevate dello Yosemite Park

…fino ad arrivare sulle strade infuocate della Death Valley.

[one_half][/one_half]

[one_half_last][/one_half_last]

Poi ci sono state Las Vegas con tutte le sue luci…

…l’immensità del Grand Canion e della Monument Valley.

[one_half][/one_half]

[one_half_last][/one_half_last]

Tutti gli stati centrali scorrono rapidamente tra la monotonia dei campi di grano del Kansas e le bistecche di prima qualità del Missouri, fino ad arrivare, finalmente, sulla East Coast per visitarne le città che abbiamo sempre visto solo in televisione. La prima è Washingthon

[one_half][/one_half]

[one_half_last][/one_half_last]

…poi la città di Rocky, Philadelphia, per un tatuaggio commemorativo del nostro viaggio, e infine, per concludere la nostra avventura, la Grande Mela: New York!

[one_half][/one_half]

[one_half_last][/one_half_last]

Viaggio: Los Angeles – New York
Mezzo: Auto
Distanza percorsa: 6000 Km circa

Un mese on the road dormendo in macchina o in cinque in una camera di motel con solo due letti. Ci siamo messi alla prova e siamo tornati in Italia stremati ma con una grande voglia di ricominciare. Prossima tappa: Argentina, da Buenos Aires alla Terra del Fuoco!

…questa volta un navigatore però ce lo portiamo!

Precedente

Anche il Garmin blog si fa bello per l'estate

Successivo

Siamo vicini ad un uomo che ha commesso un errore

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *