The Dreamers

Ciao, sono Jacopo…

Scrivere il primo post su un nuovo blog è sempre difficile: ci sono tantissime cose che vorremo dire, ma non sappiamo mai da dove cominciare.Non credo che abbia senso enunciare tutti gli ultimi allenamenti svolti, o le varie esperienza fatte, quindi cercherò di riassumere brevemente il mio percorso ed i miei obbiettivi.

A partire da ora, inizierò invece a postare tutti i miei allenamenti e le mie avventure su questo blog, così da poterle condividere con chiunque sia interessato a seguirle.

Un po’ di storia…

Ho iniziato ad arrampicare all’età di 12 anni, grazie ad un corso organizzato al CAI. Mi sono subito innamorato di questo sport, capendo che sarebbe diventata la mia più grande passione ed una parte fondamentale della mia vita. Due anni più tardi ho partecipato alla mia prima gara: una tappa della Coppa Italia Giovanile. Con grande stupore mi sono classificato al secondo posto, restando affascinato da questo aspetto dell’arrampicata. Ho capito che avevo un vero potenziale e così ho passato gli anni successici ad allenarmi il più intensamente possibile per migliorare . Il duro lavoro è stato ampiamente ripagato, vincendo per 3 anni consecutivi la Coppa Italia Giovanile Boulder e Lead. Gli ottimi risultati hanno portato alla convocazione in nazionale, ed ho cominciato a girare il mondo per gareggiare.Nel 2008 sono passato alla categoria Senior, dove ho rappresentato per altri 3 anni la nazionale di Boulder e Lead. Tra i migliori risultati ottenuti negli ultimi anni spiccano il titolo di Campione Italiano Boulder 2010 e la medaglia di bronzo in quello Lead nel 2009.

Parallelamente alla mia attività agonistica, nel 2006 ho cominciato a scalare anche seriamente sulla roccia. Mi sono immediatamente innamorato di questa nuova sfida e da quel momento ho cominciato a viaggiare nei cinque continenti per scoprire nuovi stili e siti di arrampicata. Nel 2011, in seguito ad un grosso infortunio ad un dito, ho deciso di prendere una pausa dalle competizioni.

Ora sono completamente guarito dall’infortunio, ma ormai la mia attenzione si è spostata dalla competizioni alle montagne.

Tom et je ris, Verdon
Tom et je ris, Verdon

Sogno di riuscire a trasferire tutta l’esperienza fatta durante questi anni in gara ed in falesia, sulle grandi pareti e montagne. Sarà sicuramente un processo un po’ lungo e complicato, ma sono deciso al 100% a raggiungere il mio obbiettivo.

Il sogno per quest’estate è di riuscire a salire alcune delle vie di riferimento nelle Dolomiti. Gli obbiettivi principali sono sicuramente “Bellavista” e “Pan Aroma”, due tra le vie più difficili della zona, che attraversano per intero il grande tetto della parete nord della Cima Ovest di Lavaredo. Per me sono due vie simbolo, in quanto sono l’esempio di come si possano portare le alte difficoltà anche sulle grandi pareti.

Un sogno difficile… ma non impossibile! 🙂

 

Per chi fosse interessato alle mie ultime “avventure”: www.jacopo-larcher.com 

 

 

 

 

Una breve galleria con alcune foto scattate durante l’ultimo viaggio

 

Precedente

Simone Moro aggredito da un centinaio di sherpa

Successivo

Alessandro Fabian rimanda l’esordio agonistico di questa stagione

2 Commenti

  1. 29 aprile 2013 su 11:22 — Rispondi

    Primo post: Scrivere il primo post su un nuovo blog è sempre difficile: ci sono tantissime cose che vorr… http://t.co/9t4R29MegK #td13

  2. 29 aprile 2013 su 14:27 — Rispondi

    Ecco a voi @JacopoLarcher l’alpinista di #TheDreamers: Ciao, sono Jacopo… http://t.co/MNxrtFIVlM

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *