Running

Allenarsi è bene, con Training Status è meglio.

Training status: che cos’è?

Il sole splende, il freddo ci sta finalmente dando un po’ tregua: è ora di uscire a correre!
Tra poco sarà anche disponibile il nuovo Garmin fēnix 5 e con le sue dinamiche di corsa avanzata potrete ottimizzare ogni allenamento.

Poche settimane fa vi avevamo anticipato qualcosa in merito.
Oggi proviamo ad entrare un po’ più nello specifico.
Ecco cosa potrete fare con il vostro nuovo fēnix 5.


Con la funzione Training status potrete monitorare e valutare i carichi di allenamento settimanali. Grazie al calcolo dei valori EPOC – che si riferiscono all’eccesso di consumo di ossigeno post allenamento – accumulati durante ogni sessione di allenamento su un periodo di 7 giorni, avrete un’indicazione precisa del lavoro di adattamento che il vostro corpo sta facendo in base alla preparazione e del tipo di recupero di cui avete bisogno.

I valori EPOC rappresentano il cuore del vostro lavoro, su cui il dispositivo Garmin si basa per valutare la vostra attività: indicano la quantità di energia che il corpo deve spendere per recuperare. Un calcolo che, fino a ieri, richiedeva sofisticate apparecchiature di laboratorio.

Grazie al nostro partner Firstbeat invece, ora è possibile misurare i tuoi valori, durante l’attività fisica, in base alla frequenza cardiaca: saranno più elevati e si accumuleranno in modo più rapido in caso di uno sforzo fisico impegnativo, mentre saranno più moderati e si accumuleranno più lentamente in caso di sforzi più leggeri.

Training StatusIl segreto di una buona preparazione sta nella capacità di combinare e alternare queste due differenti tipologie di lavoro. Per farlo nel modo giusto, occorre però analizzare il carico di allenamento generale che voi avrete a disposizione sul vostro Garmin e, naturalmente, su Garmin Connect, con i relativi andamenti in progressione.
Così, se il carico di allenamento dell’ultima settimana è stato all’interno del vostro “range ottimale” – indicato con una banda verde sui prodotti Garmin compatibili e con una banda di colore su Garmin Connect – saprete come pianificare le prossime uscite per mantenere o migliorare la vostra forma fisica senza strafare.

Ma come si determina il range ottimale carico di allenamento? Grazie all’algoritmo elaborato da Firstbeat, che considera la vostra forma attuale, la storia della vostra condizione fisica e il vostro livello di fitness. Cambiamenti nel vostro livello di forma fisica VO2max sono analizzati e interpretati alla luce dei carichi di allenamento nei diversi periodi. Così, attraverso l’analisi dei vostri parametri fisiologici, potrete valutare in modo semplice e chiaro se i vostri sforzi in allenamento sono produttivi oppure no, quando vi occorre una fase di scarico, di recupero, di mantenimento.
E, come ben sapete, conoscere il proprio stato di forma è fondamentale per programmare i lavori successivi.

A questo punto, non vi resta che correre.
Buon divertimento!

Previous post

inReach: il tuo outdoor, senza limiti

Next post

Garmin Approach G8: alla ricerca della buca perfetta

2 Comments

  1. 17 marzo 2017 at 18:34 — Rispondi

    Sul 235 c’è il training status?
    Sono in riabilitazione per intervento al ginocchio( ricostruzione crociato anteriore) e inizio a camminare a passo svelto a distanza di 15 giorni da intervento.
    Vorrei monitorare miglioramento fino a ripresa corsa, spero a 40 giorni da intervento, con obiettivo marathon di Berlino e New York.
    Grazie

  2. 20 marzo 2017 at 15:12 — Rispondi

    Ciao Franca, purtroppo no: il Training status non è disponibile sul 235, è tra le funzioni avanzate del fēnix 5.
    Comunque in bocca al lupo per il tuo recupero e per i prossimi obiettivi!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *