Triathlon

Alberto Casadei costretto al ritiro a Bardolino

Domenica 21 giugno è andato in scena il 32° Triathlon Internazionale di Bardolino, la più storica e partecipata gara italiana su distanza olimpica (1,5 km nuoto, 40 km bici, 10 km corsa) con i suoi 1550 atleti partenti al via. Tra questi anche il nostro Alberto Casadei, che a soli sei giorni dalle fatiche dell’Ironman 70.3 Italy concluso con un ottimo secondo posto, ha deciso di presentarsi al via con l’obiettivo di ben figurare e preparare al meglio il rosso impegno agonistico che lo vedrà protagonista sabato 27 giugno in Svezia, il Campionato del Mondo ITU di Triathlon lungo.

I primi ad uscire dall’acqua del Lago di Garda sono stati il francese Raphael, Raoul Shaw e l’italiano Gianluca Pozzetti, con Casadei staccato di solo 15″, in un gruppetto con altri sei atleti. Al 23° km del tratto ciclistico però l’esplosione del tubolare della ruota posteriore costringe Casadei al ritiro. Al traguardo giungeranno poi in ordine Raphael, Shaw e l’italiano Andrea Secchiero. Tra le donne vittoria di Sara Dossena, davanti alla campionessa italiana delle Fiamme Oro Annamaria Mazzetti e alla slovena Mateja Simic.

pre race bardolino

 

“Oggi la fortuna non è stata dalla mia parte”, dice Casadei, “anche se in realtà, vista la dinamica dell’incidente poteva andarmi molto peggio, quindi guardo il bicchiere mezzo pieno, vista la prestazione messa in campo sino a quel momento del ritiro a soli sei giorni da una gara impegnativa come quella di Pescara. Nonostante i miei allenamenti in questo periodo siano rivolti alle distanze più lunghe sono rimasto soddisfatto del ritmo che sono riuscito ad imporre sia a nuoto che nelle prime fasi della frazione ciclistica. Resta la curiosità di sapere come avrei potuto correre e come mi sarei potuto piazzare in questa gara a cui tengo in maniera particolare essendo stato il mio primo triathlon olimpico a cui partecipai” (ed anche in quel caso fu vittima di una foratura).

“Adesso mi attendono ancora un paio di giorni di allenamenti impegnativi e poi conto di essere pronto a confrontarmi con i migliori interpreti della lunga distanza all’ITU Long Distance Triathlon World Championship di Svezia, dove vestirò la divisa azzurra insieme a Jonathan Ciavatella.”

Precedente

#RoadToVenice: Fermata a Jesolo

Successivo

Fred Morini e la sua Ride Across Europe

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *