Triathlon

Alberto Casadei terzo all’Ironman di Maastricht

Arriva in Olanda il primo podio su distanza Ironman per Alberto Silver Casadei. Nel centro storico di Maastricht si è svolta la prima edizione dell’Ironman Maastricht- Limburg: un migliaio di atleti hanno nuotato nelle acque del fiume Mosa per 3,8 km, hanno pedalato per 180 km nelle tortuose ed impegnative strade rese celebri dalle grandi corse ciclistiche come l’Amstel Gold Race, ed hanno corso i finali 42 km toccando i punti più caratteristici della città olandese tagliando il traguardo nella Piazza del Mercato proprio di fronte al Municipio.

Tra i partenti al via i favori della vigilia ricadevano sul francese Cyrill Viennot (recente Campione del Mondo ITU Long Distance a Motala in Svezia) e sull’idolo di casa Bas Diederen, anch’egli in gran forma dopo il quarto posto conquistato al Campionato Europeo Ironman a Francoforte.

Alberto era chiamato ad un pronto riscatto dopo il ritiro di appena due settimane fa durante l’Ironman Zurich e ad ottenere un ottimo risultato per migliorare il proprio posizionamento nel ranking internazionale per ottenere la qualifica al Campionato del Mondo Ironman alle Hawaii. Ricordiamo infatti che per partecipare al celebre Ironman Hawaii gli atleti Professionisti devono qualificarsi rientrando nei primi 50 del ranking internazionale e sino a sabato Alberto Casadei occupava l’88^ posizione.

Dopo poco più di 46’ è uscito dall’acqua un gruppetto di 6 atleti del quale facevano parte anche Casadei e Diederen. In 5 hanno poi proseguito insieme per i primi 130 km quando l’olandese Diederen, nonostante un problema al cambio elettronico che lo ha costretto a pedalare per metà gara con il rapporto bloccato sul 55×13, ha preso la testa solitaria della gara lasciandosi alle proprie spalle il compagno di squadra Mark Oude Bennink ed ancora più indietro un duo composto da Casadei e dal belga Tim Brydenbach.

La maratona finale è così iniziata con Diederen in vantaggio di circa 5’ su Oude Bennink e di 8’ sul duo italo-belga. Dopo pochi km è Casadei a prendere con decisione la terza posizione, mentre davanti i distacchi rimangono pressoché invariati. E così sarà fino al traguardo, nonostante gli sforzi profusi dagli inseguitori per conquistare la vittoria. Alla fine è dunque l’idolo olandese Bas Diederen a ricevere gli onori del pubblico amico, concludendo le proprie fatiche in 8h27’18’’. Secondo, e a completare una doppietta olandese, Oude Bennink in 8h35’15’’. Il gradino più basso del podio è invece per il veneziano Alberto Casadei che con il tempo di 8h38’04’’ diventa il quarto italiano nella storia a conquistare un podio in una gara Ironman. I tempi parziali nelle varie discipline per conquistare questo storico risultato sono stati: 46’20’’ per nuotare 3,8 km; 4h51’46’’ per pedalare 180 km; 2h54’34’’ per correre la maratona finale.

Per quanto riguarda la qualifica mondiale Alberto Casadei dopo questo risultato occupa la sessantesima posizione (giusto a ridosso degli ultimi qualificati di diritto). Per verificare l’assegnazione degli ultimi posti disponibili e di eventuali ripescaggi bisognerà aspettare sino al 23 di agosto, giorno di chiusura della qualifica.

Precedente

Quale Garmin Edge fa per te?

Successivo

Alcuni buoni consigli per muoverti di più

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *