Ciclismo

A Calpe per conoscere la squadra ufficiale del Team Garmin-Sharp-Barracuda

Il Team Garmin-Sharp-Barracuda ha iniziato qualche giorno fa il ritiro a Calpe, presentando la squadra ufficiale per il 2013.  Il team manager Jonathan Vaughters, entusiasta del risultato della precedente stagione, apre così la conferenza stampa: “Quella del 2012 è stata la nostra miglior stagione, conclusasi con la vittoria di un Giro a Tappe. Da questo successo siamo partiti per costruire il 2013”. Jonathan continua parlando del futuro e dei giovani: “Il nostro team è un mix eccezionale di ciclisti nuovi e di qualche ritorno eccellente con un focus sulla prossima generazione di ciclisti. Il nostro Team ha sempre lavorato molto per far crescere i giovani talenti e con ingressi come Rohan Dennis, Lachlan Morton e il ritorno di Caleb Fairly, siamo pronti a continuare quella tradizione e fortificare il futuro del ciclismo. “

Il giornalista Alessandro Turci, presente all’evento, ha suggellato così le sensazioni del momento:

Viva il ciclismo, viva i corridori. È questo il primo pensiero quando ti capita di assistere a un training camp di una squadra di ciclismo professionistica. Passione, dedizione, organizzazione e un mare di gente che lavora per raggiungere un unico obiettivo: la vittoria.

La giornata inizia presto, colazione abbondante e poi tutti in bici alle dieci, massima puntualità. Programma: circa 120 chilometri (alla fine saranno 123) ritmo sostenuto, ma continuo, in gruppo, con prove di ritmo gara verso la fine. Noi in macchina, i product manager Garmin di Italia, Francia e UK a seguire la performance di Johan Vansummeren sul pc grazie al Garmin “live tracking”. Il corridore belga, che ha vinto la Parigi-Roubaix 2010, sarà ricordato come il primo ciclista cablato della storia grazie al sistema di connessione Gps-smartphone tramite l’app. Garmin Connect Mobile che consente di riprodurre “live” i dati sensibili degli allenamenti e delle gare. Evento che rivoluzionerà il nostro modo di intendere e svolgere lo sport preferito. Numeri in tempo reale (potenza, frequenza cardiaca, cadenza, velocità, eccetera), possibilità di interagire con l’atleta o l’amico. Una ripetuta in più o una meno, un consiglio, una battuta. Tecnologico, social, smart, lo sport del futuro è realtà.

Non poteva mancare il nostro Matteo Bortesi (Product Marketing Manager in Garmin Italy), entusiasta come un bambino nei paese dei balocchi:

“Il Team Garmin sempre a tutta. Due giorni intensi, arrichiti da interviste, unveiling della bici ufficiale 2013 con i nuovissimi Edge 510 e 810, sul manubrio. La squadra come sempre si è dimostrata disponibile alla pacifica invasione dei giornalisti specializzati di tutta Europa. Abbiamo assistito ad una nuova rivoluzione nel mondo ciclo, il “live tracking” degli atleti, noi comodamente seduti e la squadra a 50 km di distanza, come? Tramite la nuova app Garmin Connect Mobile per smartphones, compatibile con i nuovissimi gioielli di casa Garmin. Mentre J.V.Summeren pedalava noi di Garmin ed giornalisti leggevamo in tempo reale dall’hotel sui nostri PC, la velocità, la potenza, il cuore, la quota e la cadenza; troppo bello per essere vero, davvero utile, molto interessante, tutti erano stupiti ed interessati, unbelivable.

Forza ragazzi la bici c’è, i nuovi Edge anche, il live tracking vi seguirà ovunque vorrete,

adesso testa bassa e…”

Precedente

Garmin e Marcialonga 2013 live su Twitter

Successivo

Garmin Live, il nostro nuovo canale di Twitter

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *